Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.acquadolce.org/home/config/ecran_securite.php on line 259

Warning: array_shift() expects parameter 1 to be array, boolean given in /web/htdocs/www.acquadolce.org/home/config/ecran_securite.php on line 259
Bribon - "Acquadolce"
"Acquadolce"
 

barretta al cioccolato in 5 gusti

Bribon

da Bolivia, Repubblica Dominicana, Costa Rica, Brasile e Messico

21 marzo 2005

Descrizione del prodotto
Bribon è uno snack buono sia per gli adulti che per i bambini che nutre e da energia. In cinque gusti che fondonoil delizioso puro cioccolato al latte o bianco con insoliti ingredienti come i crispies alla quinoa; gli anacardi o noci cajou tostati o caramellati, il caffè e il guaranà in polvere.

Varianti:
Bribon latte e quinoa - 35 gr - cod. 253
Bribon bianco quinoa - 35 gr - cod. 255
Bribon latte e cajou - 35 gr - cod. 257
Bribon latte caffè guaranà - 35 gr - cod. 260
Bribon bianco cajou - 35 gr - cod. 256

La quinoa invece è un alimento particolarmente ricco di elementi nutritivi, contiene fibre e minerali come fosforo, magnesio, ferro e zinco.

Occhio agli ingredienti:

Quinoa. Le spighe di quinoa trovano nei territori salmastri del Salar, particolarmente ricchi di litio, nelle zone di Oruro e Potosì (quinua real) apiù di 4000mnelle Ande Boliviane il terreno ideale per crescere, ricche di semi rotondi molto proteici. Chenopodium quinoa (nome scientifico della quinoa), il così detto "grano delle Ande" è in natura privo di glutine.

Cajou o anacardi:
L’anacardio o noce cajou (il cui nome italiano significa "simile a un cuore" per la particolare forma simile a un cuore) è una pianta nativa del Brasile; coltivata in molti paesi tropicali, la pianta dell’anacardio chiede poca acqua e contribuisce alla riforestazione. La pianta si presenta come una grossa noce (frutto) con un’escrescenza esterna (seme) da cui i ricava il frutto.

Caffè uciri: caffè arabica solubile da agricoltura biologica della foresta di Oaxaca

Guaranà in polvere: pianta nativa dell’Amazzonia brasiliana, dalle proprietà energetiche.

Puro cioccolato: in tutti i prodotti altromercato a base di cioccolato il burro di cacao non viene sostituito con altri grassi vegetali per garantire migliore qualità al consumatore e più dignità ai coltivatori di cacao, che dipendono dalle vendite di questo importante prodotto in Africa e America Latina.

Ad arricchire ulteriormente questo snack è lo zucchero di canna.
La lecitina è ottenuta da soia non geneticamente modificata, garantita con certificazione di filiera.

Modi d’uso Conservare la barretta ad una temperatura compresa tra i 18 e i 20 gradi e comunque non in frigorifero poiché affiorerebbe il burro di cacao e il gusto ( non la commestibilità che non è pregiudicata) ne risulterebbe alterato.

Testi

Per curiosità e per saperne di più sulle delizie al cioccolato si consiglia la lettura di "Cacao e cioccolato in cucina" coedito da Sonda edizioni e Ctm altromercato.
Alla scoperta della quinoa si può andare invece con "Cucinare con la Quinoa" coedito da Sonda edizioni e Ctm altromercato.

% Ingredienti ces:
caffè e guaranà 73%
latte cajou 76%
bianco cajou 72%
bianco quinoa 63%
latte quinoa 68%

I Produttori
ANAPQUI (Asociacìon National de Productores de Quinoa) - Bolivia: diversi sono gli obiettivi che questa associazione, fondata nel 1983 e comprendente 5000 persone, si pone: sul versante della produzione, per ottenere miglioramenti, si punta all’assistenza tecnica, all’introduzione di nuovi metodi di semina e raccolta, alla diminuzione dei costi di produzione. L’organizzazione può essere rafforzata ampliando la partecipazione democratica dei produttori, potenziare forme autonome di organizzazione. Incrementare la vendita, migliorare i metodi di lavorazione, i prezzi ai contadini e ampliare i mercati sono invece gli obbiettivi che rientrano nell’area della commercializzazione.

CONACADO ( Confederacion Nacional de cacao Coltores Domenicanos) - Repubblica Dominicana:
Sono più di 9000 i piccolissimi produttori, radunati in questa cooperativa senza fini di lucro, che gestiscono il 25% della produzione di cacao domenicana, dal 1989. L’intento della loro attività è quello di ottenere migliori condizioni di vita e lo sviluppo del settore, ecco perché si prodigano nella produzione di cacao di alta qualità coltivato sullo stesso terreno di altri generi alimentari, cosa che riduce decisamente la possibilità di attacchi parassitari.
Conacado, inoltre, promuove alcune piccole aziende, gestite da donne, che lavorano gli scarti del cacao e producono cioccolato per il mercato interno.
A sostenimento di tutto ciò contribuiscono anche prestiti a produttori associati a tassi agevolati, aggiornamento e formazione alla produzione e alla vendita.

COPEAGRI EL GENERAL R.L. - Costa Rica: la produzione di zucchero in Costa Rica deve passare attraverso i controlli della Laica (Liga Agricola Industrial de la Cana de Azucar), un’organizzazione di commercializzazione senza fini di lucro, che opera per lo Stato. Sua patner è Copeagri che dal 1962, quando è stata fondata, ha visto un enorme sviluppo e oggi rappresenta la maggioranza dei lavoratori locali di caffè e di zucchero. Non solo i membri sono numerosi ma Copeagri risulta anche un ottimo datore di lavoro: la giornata di lavoro è fissata in 8 ore e la paga corrisponde a circa 1/6 del prezzo che il produttore ricava dalla vendita del cacao.

COOPERCAJOU e COMAP - Brasile: strutture collettive di lavoratori rurali che operano in uno stato retto ancora con metodi feudali, con l’obiettivo di organizzare la piccola produzione e la commercializzazione, incentivando una maggiore e più razionale produttività.

UCIRI - MESSICO
Il caffè Uciri, prodotto da piccoli coltivatori autorganizzati, è ottenuto senza utilizzare prodotti chimici e fitofarmaci. Per gli indios del Messico la terra è "Pacha Mama", la grande terra da amare e rispettare. Tradizionalmente la terra non appartiene al privato, ma alla comunità. Uciri, nata nel 1983, conta più di 4000 famiglie in 60 villaggi diversi. Grazie al commercio equo i soci della cooperativa Uciri hanno migliorato le proprie condizioni di vita ed hanno costituito alcuni servizi fondamentali per le comunità in cui vivono (rete sanitaria, scuole, irrigazione). La stessa cooperativa organizza l’esportazione per vie non speculative, tali da liberare dallo sfruttamento degli intermediari. Oggi Uciri è tra le maggiori estensioni di caffè biologico al mondo.

"La tierra es muy importante para nosostros, vivimos en ella y la llamamos "Pacha mama".
(detto indio)

CGTSM brasile
Sateré-Mawé, che lotta per affermare, in base alla Costituzione brasiliana, autonomia di sviluppo economico e culturale, nel rispetto del popolo indio e della sua Terra: 800 mila ettari, costituiti dal bacino dei fiumi Andirá e Marau; dove vivono 7000 persone sparse in 80 villaggi, e che le autoritá tradizionali definiscono ’santuario ecologico e culturale del Guaranà dei Sateré-Mawé’. Il CGTSM utilizza la rendita della vendita del guaranà per preservare l’ecosistema che costituisce la banca genetica naturale mondiale del guaranà selvatico, per trasformare in giardini forestali le aree degradate, per migliorare le condizioni di vita e di alimentazione della popolazione e riscattare le conoscenze e i valori della cultura tribale. Questo progetto autonomo, premiato all’ Esposizione Universale del 2000 come esemplare per l’ applicazione dell’ agenda 21 delle Nazioni Unite (sviluppo sostenibile e tutela ambientale), si é finora finanziato quasi solo con la vendita del guaranà nella rete del commercio equo.
Nel 2002 Slow Food ha istituito un Presidio internazionale dedicato al guaranà nativo dei Sateré-Mawé.

Filiera

Gli ingredienti vengono lavorati in Italia nello stabilimento di Lecco di ICAM, per Consorzio ctm altromercato che ne cura la commercializzazione.

Home | Contatti | Mappa del sito | Area riservata | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0

Sito realizzato con SPIP 3.0.2 - Squelette ViaSPIP 2.1.10b