Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.acquadolce.org/home/config/ecran_securite.php on line 259

Warning: array_shift() expects parameter 1 to be array, boolean given in /web/htdocs/www.acquadolce.org/home/config/ecran_securite.php on line 259
Hisotelary - Negramaro, vino rosso del Salento IGT BIO - "Acquadolce"
"Acquadolce"
 
Home > CATALOGO PRODOTTI > Alimentari equo e bio > Bevande e integratori > Vino > Hisotelary - Negramaro, vino rosso del Salento IGT BIO

Hisotelary - Negramaro, vino rosso del Salento IGT BIO

24 gennaio 2015

Vitigni: Negroamaro 100%

Tipologia: Salento Indicazione Geografica Tipica

Annata: 2011

Viticoltura: biologica certificata
Gradazione Alcolica: 13,5%

Vendemmia: manuale dal 27 al 30 di settembre 2011

Vinificazione: diraspatura, macerazione per 8 giorni, fermentazione del mosto a temperatura controllata di 25°C

Maturazione: in vasche di acciaio per circa 6 mesi

Affinamento: almeno due mesi in bottiglia prima della messa in commercio

Hiso Telaray, giovane migrante albanese, è stato ucciso nel settembre del 1999 all’età di 22 anni nelle campagne pugliesi dalla violenza dei caporali che ne sfruttavano il lavoro.
Ad Hiso e a tutti quelli che non chinano la testa dinanzi all’arroganza mafiosa dedichiamo il nostro lavoro ed i suoi frutti.

Terre di Puglia è il nome della cooperativa sociale fondata nel gennaio 2008 da giovani pugliesi, per il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Anche in Puglia, infatti, si contano numerosi beni confiscati alla mafia (nello specifico alla Sacra Corona Unita, organizzazione malavitosa che, a partire dagli anni Settanta, si è infiltrata pericolosamente nel tessuto sociale della società pugliese). A seguito delle esperienze siciliane e calabresi, il progetto Terre di Puglia - Libera Terra prevede inizialmente l’uso dei beni confiscati alle mafie nella provincia di Brindisi, nei comuni di Mesagne, Torchiarolo e San Pietro Vernotico. Si tratta di circa venti ettari di terreno coltivati a grano biologico - grazie al quale già nel 2007 sono stati prodotti i primi tarallini con marchio Libera Terra, diffusi presso gli ipermercati Coop - e di circa trentacinque ettari di vigneto tipico, in via di recupero dopo anni di abbandono anche grazie alle competenze tecniche offerte da Slow Food. Partner del progetto, oltre ai Comuni interessati dai beni confiscati, la Prefettura di Brindisi e Libera, sono la Provincia di Brindisi ed Italia Lavoro Spa (con le risorse del "Programma Pari"). Al percorso partecipa l’agenzia nazionale Cooperare con Libera Terra, una rete di soggetti economici di rilievo nazionale (Legacoop - e la sua articolazione territoriale Legacoop Puglia-, Coop Italia, Conapi, Progeo, Alce Nero & Mielizia, Unipol e numerose altre) che mettono le proprie competenze a servizio delle sfide di Libera Terra. Fondamentale il sostegno politico ed economico della Regione Puglia, che scommette su questa esperienza a vantaggio di tutto il territorio.

Home | Contatti | Mappa del sito | Area riservata | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0

Sito realizzato con SPIP 3.0.2 - Squelette ViaSPIP 2.1.10b